Salta al contenuto principale

L'Almond Board of California sostiene l'innovazione investendo $6,8 milioni nella ricerca

Almond Board
L'Almond Board of California (ABC) ha annunciato un investimento di $6,8 milioni in 75 progetti di ricerca indipendenti che esplorano le pratiche agricole di nuova generazione incluso un impiego ottimale di tutto ciò che cresce in un mandorleto. Oltre a migliorare le pratiche di produzione, i progetti di ricerca aiutano la California almond community a dare a chi ama le mandorle nel mondo un prodotto sicuro, sano e sostenibile.

L'Almond Board of California (ABC) ha annunciato un investimento di $6,8 milioni in 75 progetti di ricerca indipendenti che esplorano le pratiche agricole di nuova generazione incluso un impiego ottimale di tutto ciò che cresce in un mandorleto. Oltre a migliorare le pratiche di produzione, i progetti di ricerca aiutano la California almond community a dare a chi ama le mandorle nel mondo un prodotto sicuro, sano e sostenibile. 

L'annuncio è stato dato durante la 46° Almond Conference, un evento che si tiene a Sacramento, California, e che riunisce coltivatori di mandorle, addetti alla lavorazione e ricercatori per discutere della scienza più recente alla base di una coltivazione responsabile delle mandorle. I programmi di ricerca dell'ABC forniscono una base scientifica per le migliori pratiche in diverse aree prioritarie, incluse la sostenibilità idrica, la salute degli impollinatori e la ricerca di nuovi utilizzi dei sottoprodotti delle mandorle, inclusi i malli, i gusci e il materiale legnoso. 

"L'innovazione è al centro della coltivazione sostenibile delle mandorle. Guidata da famiglie di agricoltori, la almond community si impegna a migliorare continuamente, assicurando un ambiente e un futuro migliori per i nostri figli e i nostri nipoti, per il prossimo e per i lavoratori" ha detto il Presidente e CEO dell'Almond Board of California Richard Waycott. “Dal 1973 i coltivatori di mandorle e gli addetti alla lavorazione hanno investito $80 milioni nella ricerca attraverso l'Almond Board per migliorare la conoscenza dell'effetto delle mandorle sulla salute dell'uomo, garantire qualità e sicurezza e migliorare le pratiche agricole minimizzando l'impatto ambientale."

Trovare nuovi impieghi per i sottoprodotti delle mandorle

Le mandorle crescono in un guscio, protette dal mallo, su un albero.  I coltivatori si sono sempre presi la responsabilità di questi sottoprodotti, garantendone un impiego utile invece di finire in discarica.  Oggi la California almond community sta indirizzando gli investimenti della ricerca per un impiego ottimale di questi sottoprodotti, adottando un approccio "a rifiuti zero" che dia una risposta ai bisogni cruciali in diversi settori industriali.

Quest'anno l'ABC ha finanziato progetti di ricerca mirati ai sottoprodotti per un totale di $1,2 milioni che hanno trovato applicazione dal mandorleto a usi a valore aggiunto. 

"Ci piace lavorare con la almond community perché i loro obiettivi coincidono con i nostri. L'Almond Board investe nella ricerca al fine di non avere sprechi e raggiungere un impatto neutro" ha detto Lydia Palma, ricercatrice e dottoranda alla University of California, Davis.  "Il nostro partenariato per la ricerca si focalizza sullo sviluppo di nuove tecnologie per convertire i sottoprodotti delle mandorle in prodotti di valore".

Tre progetti di ricerca in corso sui sottoprodotti delle mandorle che mostrano risultati promettenti sono:

  • Recycled Polypropylene-Polyethylene Torrified Almond Shell Biocomposites. USDA-ARS, Western Regional Research Center[1]I gusci delle mandorle sono da sempre usati come lettiere per il bestiame. Questa ricerca esplora come i gusci, trasformati in polvere simile a quella di carbone attraverso un processo conosciuto come torrefazione, possano essere utilizzati come colorante e come agente rinforzante per la plastica riciclata dopo il consumo. 
  • Cultivation of Black Soldier Fly Larvae on Almond Byproducts. University of California, Davis[2]Il mallo fibroso e zuccherino delle mandorle può servire a nutrire animali grandi e piccoli inclusi quelli del mondo emergente dell'allevamento di insetti. Questo progetto di ricerca esplora la possibilità di allevare nei malli delle mandorle larve della mosca soldato nera, da usare come materia prima per il pollame e l'acquacoltura.
  • Almond Hull Byproducts as a Casing Amendment Material in Mushroom Cultivation. USDA-ARS, Western Regional Research Center[3]Dopo averlo privato degli zuccheri, impiegati per altri scopi, il materiale rimanente del mallo può essere utilizzato come alternativa al tradizionale muschio di torba per la coltivazione dei funghi. Questo progetto di ricerca esplora l'utilizzo del mallo delle mandorle come substrato colturale per i funghi di tipo commerciale, con dei risultati preliminari che mostrano diversi benefici inclusi l'assorbimento ottimale dell'acqua e l'aumento della resa. 

"Scoprire nuovi modi di impiego di un prodotto che ha sempre avuto un singolo uso è molto stimolante" ha detto Mike Curry, addetto al processo di sgusciatura e smallatura delle mandorle alla Johnson Farms. "Tutta la produzione e la filiera, incluso il consumatore, beneficeranno dello sviluppo di nuovi prodotti derivanti dai malli e dai gusci delle mandorle."

Nuove opportunità di innovazione

L'impegno nella ricerca scientifica sostiene la California almond community nello sviluppo della azienda agricola del futuro.  Per migliorare la sostenibilità idrica, i coltivatori stanno adottando una tecnologia di irrigazione di precisione e stanno esplorando un modo per riempire le falde acquifere sotterranee attraverso il ravvenamento delle acque sotterranee in azienda.  Per garantire la sicurezza delle api, essenziali per l'impollinazione dei mandorli, i coltivatori lavorano a stretto contatto con gli apicoltori e seguono le migliori pratiche basate sulla ricerca.  La ricerca continua ad affinare l'approccio ottimale di foraggiamento delle api che rappresenta un nutrimento aggiuntivo per gli alveari e altri impollinatori nelle vicinanze.

I progetti di ricerca focalizzati su api e acqua finanziati dall'ABC quest'anno includono $610.000  in nove progetti sull'acqua e $579.000 in sette progetti sulla salute delle api. Questi si aggiungono agli oltre 200 progetti di ricerca finanziati dal 1982 che hanno aiutato i coltivatori a ridurre la quantità di acqua necessaria per coltivare circa mezzo chilo di mandorle del 33% negli ultimi 20 anni,[1] e con 120 progetti finanziati finora l'ABC ha sostenuto la ricerca sulla salute delle api più di qualsiasi altro gruppo di colture.[2]

I progetti di ricerca dell'Almond Board sono finanziati attraverso una valutazione retribuita per quantità di mandorle prodotte.  Dopo essere stati esaminati da consulenti di ricerca e da gruppi di lavoro focalizzati su specifici argomenti relativi alla coltivazione delle mandorle, i progetti vengono selezionati da un comitato di coltivatori di mandorle e di addetti alla lavorazione sulla base di un allineamento strategico ai bisogni del settore e dell'impatto previsto della ricerca stessa. 

 

Per ulteriori informazioni sui 45 anni di coltivazione di mandorle e ricerca ambientale dell'ABC, visita Almonds.com/GrowingGood.

 


[1] Zach McCaffrey, et al. Recycled polypropylene-polyethylene torrefied almond shell biocomposites. Journal of Industrial Crops and Products. December 2018.

[2] Lydia Palma, et al. Cultivation of black soldier fly larvae on almond byproducts: impacts of aeration and moisture on larvae growth and composition. Journal of the Science of Food and Agriculture. December 2018.

[3] Allison Flynn, et al. Almond hull byproducts as a casing amendment material in mushroom (Agaricus bisporus) cultivation. Mushroom News. American Mushroom Institute. October 2018. bit.ly/2TTlM9V

[4] University of California, Feb. 2010. Food and Agriculture Organization of the UN, 2012. Almond Board of California, 1990-94, 2000-14.

[5] Gene Brandi. Vice President, American Beekeeping Federation.

About the Almond Board of California

California almonds make life better by what we grow and how we grow. The Almond Board of California promotes natural, wholesome and quality almonds through leadership in strategic market development, innovative research, and accelerated adoption of industry best practices on behalf of the more than 7,600 almond farmers and processors in California, most of whom are multi-generational family operations. Established in 1950 and based in Modesto, California, the Almond Board of California is a non-profit organization that administers a grower-enacted Federal Marketing Order under the supervision of the United States Department of Agriculture. For more information on the Almond Board of California or almonds, visit Almonds.com or check out California Almonds on Facebook, Twitter, Pinterest, Instagram and the California Almonds blog.

Contacts