Salta al contenuto principale

Concentrata sul “Growing Good”, la California Almond Community si impegna a raggiungere nuovi obiettivi

Almond Board
I nuovi obiettivi si basano su decenni di risultati raggiunti e stabiliscono i target per ulteriori miglioramenti

(Modesto, California) - Con una quota che rappresenta l’80% della produzione mondiale di mandorle, i coltivatori e gli addetti alla lavorazione delle mandorle della California sono da sempre impegnati nel “growing good”, gestendo le risorse responsabilmente per le generazioni attuali e quelle future. Oggi la almond community si impegna pubblicamente a raggiungere quattro nuovi obiettivi, che si basano su decenni di risultati conseguiti, e sono un’ulteriore prova dell’impegno nel coltivare le mandorle nel modo migliore, più sicuro e più salutare, proteggendo le comunità locali e l’ambiente. Gli Almond Orchard 2025 Goals stabiliscono dei target per il settore in ambito di efficienza idrica, zero sprechi, lotta ai parassiti e qualità dell’aria.

 

Ci siamo sempre impegnati a minimizzare l’impatto ambientale e a essere dei buoni vicini, e l’esperienza lo dimostra. Ma per la prima volta, stabiliamo pubblicamente degli obiettivi sul modo in cui coltiveremo in futuro e ci impegniamo a essere totalmente trasparenti in merito ai progressi che stiamo facendo” ha detto Holly King, Presidente dell’Almond Board of California. “Si tratta di obiettivi impegnativi, non c’è dubbio, ma è una responsabilità che nasce dalla nostra leadership e dall’impegno verso l’innovazione. Siamo entusiasti di iniziare questo viaggio”.

 

Gli Almond Orchard 2025 Goals puntano su quattro aree chiave:

 

Ridurre ulteriormente l’acqua utilizzata per coltivare le mandorle

  • Negli ultimi vent’anni i coltivatori di mandorle della California hanno ridotto la quantità di acqua usata per coltivare circa mezzo chilo di mandorle del 33%[1], grazie a pratiche di produzione migliori e all’adozione di un’efficace tecnologia di microirrigazione. Entro il 2025 la California almond community si impegna a ridurre la quantità di acqua utilizzata per coltivare circa mezzo chilo di mandorle di un ulteriore 20%.  

 

Zero sprechi nei nostri mandorleti

  • Le mandorle crescono in un guscio, protette da un mallo, su un albero, prodotti da sempre usati come lettiere per il bestiame, mangime e produzione di energia elettrica. I mercati in evoluzione stanno spingendo verso l’innovazione per un utilizzo di valore più elevato, sia economico sia ambientale, di questi sottoprodotti. Entro il 2025 la California almond community si impegna a raggiungere zero sprechi attraverso un impiego ottimale di tutto ciò che cresce nei nostri mandorleti.

 

Adottare più strumenti rispettosi dell’ambiente per la lotta ai parassiti.

 

  • Una coltivazione responsabile delle mandorle significa proteggere il raccolto e gli alberi dagli insetti, dalle erbacce e dalle malattie tramite un approccio integrato di lotta ai parassiti. Ciò significa utilizzare strumenti e tecniche come l'uso di insetti utili, la confusione sessuale e, se necessario, l'uso di pesticidi. Per proteggere ulteriormente i nostri mandorleti, i dipendenti e le comunità, entro il 2025 ci impegniamo ad ampliare del 25% l’adozione di strumenti rispettosi dell’ambiente per la lotta ai parassiti

Migliorare la qualità dell’aria durante il raccolto delle mandorle

  • Le mandorle della California vengono raccolte scuotendole e facendole cadere in terra, dove vengono lasciate seccare al sole prima di essere spazzate e raccolte. Un processo che può creare polvere nelle comunità locali. Per eliminare questo problema, la almond community sta facendo passi a breve e lungo termine per reinventare il modo di fare il raccolto e si impegna entro il 2025 a ridurre la polvere prodotta durante il raccolto del 50%.

Proviamo a gestire bene la terra facendo di più con meno - meno input, meno applicazioni, meno visite alla piantagione, e ovviamente meno acqua” ha detto Brian Wahlbrink, coltivatore di mandorle nella Contea di Stanislaus e Presidente dell’Almond Board’s Harvest Workgroup. “Questi obiettivi ci porteranno verso dei miglioramenti sostanziali, basandoci su risultati conseguiti in passato e condividendo i nostri progressi mentre lavoriamo verso il 2025. Ho molta fiducia in quello che stiamo facendo”.

 

Oltre agli obiettivi del 2025, i coltivatori di mandorle della California continuano a supportare la ricerca in altre aree cruciali, investendo, solo quest’anno, in sette nuovi progetti focalizzati sulla salute delle api. Questi sforzi si basano su un’eredità di $3,2 milioni investiti in 120 progetti di ricerca dal 1995 per far fronte ai cinque più importanti fattori che incidono sulla salute delle api. In questo impegno continuo per la salute delle api, l’Almond Board ha sviluppato anche un elenco completo di Honey Bee Best Management Practices per i coltivatori di mandorle della California. Ampiamente adottate, queste best practice sono in continua evoluzione per garantire la sicurezza delle api da miele durante e dopo l’impollinazione dei mandorli.

 

Lavorando insieme per le aree chiave, come la salute delle api, e per raggiungere gli Almond Orchard 2025 Goals, ci assicuriamo di poter coltivare a lungo termine qui in California. Ciò significa prendersi cura della terra al meglio e coltivare responsabilmente. Questo impegno si basa su una storia di perfezionamento delle pratiche di coltivazione e inciderà sicuramente sul modo di coltivare in futuro” ha detto il Presidente e CEO dell’Almond Board of California, Richard Waycott.

 

La California almond community è un insieme di aziende agricole a conduzione familiare impegnate a migliorare la vita attraverso l’innovazione e la produzione responsabile di cibo sano, accessibile a tutti nel mondo. Per oltre 40 anni, i coltivatori di mandorle e gli addetti alla lavorazione hanno finanziato la ricerca scientifica per $80 milioni, facendo significativi passi avanti in ambito idrico, di gestione dei nutrienti, della qualità dell’aria, della salute delle api e altro, migliorando l’efficienza minimizzando l’impatto ambientale.

 

[1] University of California, 2010. Food and Agriculture Organization of the United Nations, 2012. Almond Board of California, 1990-94, 2000-14.

About the Almond Board of California

Almonds from California are a healthy, natural, wholesome and quality food. The Almond Board of California promotes almonds with a research-based approach to responsible farming, production and marketing on behalf of the more than 7,600 almond growers and processors in California, many of whom have third- and fourth-generation family operations. Established in 1950 and based in Modesto, California, the Almond Board of California is a non-profit organization that administers a grower-enacted Federal Marketing Order under the supervision of the United States Department of Agriculture. For more information on the Almond Board of California or almonds, visit Almonds.com or check out California Almonds on Facebook, Twitter, Instagram and the California Almonds blog.

Contacts